ANAC. Pubblicato in G.U. l'aggiornamento delle Linee Guida n. 6 sulle cause di esclusione legate a gravi illeciti professionali..

ANAC. Pubblicato in G.U. l'aggiornamento delle Linee Guida n. 6 sulle cause di esclusione legate a gravi illeciti professionali..

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 260 del 7-11-2017) le Linee Guida n. 6 recanti “Indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice” aggiornate dall’ANAC con Determinazione 11 ottobre 2017, n. 1008.
 Considerata l’entrata in vigore del decreto correttivo al codice dei contratti pubblici, l’Autorità ha ritenuto opportuno procedere all’aggiornamento delle Linee guida n. 6/2016 al fine di tener conto delle modifiche normative apportate dal d.lgs. 56/2017, nonché delle osservazioni e richieste di chiarimenti pervenute dalle stazioni appaltanti e dagli operatori economici.
Si evidenzia che è stato chiarito che gli illeciti professionali gravi rilevano ai fini dell’esclusione dalle gare a prescindere dalla natura civile, penale o amministrativa dell’illecito (punto 2.1) e specificata la rilevanza ostativa alle condanne non definitive per determinati reati incidenti sulla moralità professionale, indicati a titolo esemplificativo (punto 2.2).Stesso discorso per i provvedimenti esecutivi dell’AGCM e sanzionatori esecutivi dell’ANAC (punto 2.2.3.1)
È stata, invece, circoscritta la rilevanza ostativa dei provvedimenti di applicazione delle penali (1% dell’importo del contratto) [punto 4.1] e sottolineato che le dichiarazioni sostitutive rese dai concorrenti ai fini della partecipazione alla gara, mediante il modello DGUE devono avere ad oggetto tutti i provvedimenti astrattamente idonei a configurare la causa di esclusione in esame, anche se non ancora inseriti nel casellario informatico (punto 4.2).
L’Autorità ha specificato che le valutazioni della stazione appaltante in ordine alle misure di self-cleaning sono effettuate in contraddittorio con l’operatore economico e che la decisione assunta deve essere adeguatamente motivata (punto 7.4).
Le Linee guida entreranno in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
L’individuazione delle modifiche apportate è stata agevolata dal testo in grassetto (cfr. testo allegato).
ANAC_Linea guida n6

CONDIVIDI