18 giugno

Cybersecurity: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 65 – “Attuazione della direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione” (Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 132 del 9.6.2018).

Nella Gazzetta Ufficiale n. 132 del 9.6.2018 è stato pubblicato il decreto legislativo 18.5.2018, n. 65 che ha recepito la direttiva (UE) 2016/1148, c.d. direttiva NIS (Network and Information Security), caposaldo della strategia dell’Unione in materia di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi.

14 giugno

Proprietà Industriale: il colore apposto su una specifica parte di un prodotto è registrabile quale marchio ai sensi della Direttiva 2008/95/CE (Corte di Giustizia, Grande Sezione, sent. 12 giugno 2018, causa C-163/16).

Nella decisione in epigrafe, la Grande Sezione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (di seguito “CGUE”), mediante il meccanismo del rinvio pregiudiziale di cui all’art. 267 TFUE, è stata investita dal Tribunale dell’Aia di una questione attinente alla registrabilità di un marchio costituito dall’apposizione di un colore sulla suola di una scarpa con tacco alto di proprietà di un noto marchio di moda.

13 giugno

Pacchetti turistici e servizi turistici collegati: in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 21 maggio 2018, n. 62 in attuazione della Direttiva UE 2015/2302 (Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 129 del 6.6.2018).

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 129 del 6.6.2018, il D.Lgs. 21 maggio 2018, n. 62 recante “Attuazione della direttiva (UE) 2015/2302 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2011/83/UE del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 90/314/CEE del Consiglio”.

7 giugno

Privacy: gli amministratori di pagine Facebook sono corresponsabili, insieme al social network, del trattamento dei dati degli utenti (Corte di Giustizia, Grande Sezione, sent. 05 giugno 2018, causa C-210/16).

Nella decisione in epigrafe, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (di seguito “CGUE”), mediante il meccanismo del rinvio pregiudiziale di cui all’art. 267 TFUE, viene investita dalla Corte amministrativa federale tedesca di alcune questioni inerenti l’interpretazione della Direttiva 95/46/CE[1] relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.

1 giugno

Privacy: recepita la direttiva 2016/680/UE sul trattamento dei dati personali in ambito penale (D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 51, pubblicato in G.U., Serie Generale, n. 119 del 24 maggio 2018).

Con il D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 51 è stata data attuazione alla Direttiva 2016/680/UE in materia di protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

30 maggio

Appalti pubblici: rimessa alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione della compatibilità con gli artt. 57 e 71, paragrafo 6, della direttiva 2014/24/UE e con il principio di proporzionalità di cui al “considerando” 101 della stessa, dell’art. 80, comma 5, del d. lgs. n. 50/2016 nella parte in cui prevede l’esclusione dell’operatore economico nel caso di accertamento, in sede di gara, di un motivo di esclusione relativo ad un subappaltatore indicato nella terna in sede di offerta (TAR Lazio, Sez. II, ordinanza 29 maggio 2018, n. 6010).

Con ordinanza n. 6010/2018 il TAR Lazio ha rimesso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione circa la compatibilità con gli artt. 57 e 71 par. 6 della Direttiva 2014/24/UE e con il principio di proporzionalità di cui al “considerando” 101, dell’art. 80, comma 5 del d. lgs. n. 50/2016, nella parte in cui prevede l’esclusione dell’operatore economico nel caso di accertamento, in corso di gara, di un motivo di esclusione relativo ad un subappaltatore indicato nella terna in sede di offerta, in luogo di imporre al concorrente la sostituzione del subappaltatore indicato.

29 maggio

AGCM: Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il “Regolamento attuativo in materia di rating di legalità” (Delibera n. 27165 del 15 maggio 2018 pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 122 del 28 maggio 2018).

All’esito della consultazione pubblica indetta con delibera 7 marzo 2018, l’AGCM ha approvato il “Regolamento attuativo in materia di rating di legalità”, entrato in vigore oggi 29 maggio 2018, giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Le modifiche proposte nella bozza di regolamento in consultazione erano volte alla semplificazione, allo snellimento e alla chiarificazione delle procedure per l’attribuzione, la modifica, il rinnovo, la revoca e l’annullamento del rating di legalità.

29 maggio

Riforma del Codice antimafia: Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 54 in materia di incompatibilità degli amministratori giudiziari e dei curatori fallimentari.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.121 del 26 maggio 2018, il D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 54 recante “Disposizioni per disciplinare il regime delle incompatibilità degli amministratori giudiziari, dei loro coadiutori, dei curatori fallimentari e degli altri organi delle procedure concorsuali, in attuazione dell’articolo 33, commi 2 e 3, della legge 17 ottobre 2017, n. 161” (“Decreto”).

25 maggio

Antiriciclaggio: la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero dell’Economia e delle Finanze approvano il decreto di attuazione della direttiva 2016/2258/UE in materia di accesso da parte delle autorità fiscali alle informazioni in materia di antiriciclaggio (Comunicato Stampa del Consiglio dei Ministri n. 84 del 16 maggio 2018).

La Presidenza del Consiglio dei Ministri di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha approvato il decreto di attuazione della direttiva 2016/2258/UE che modifica la direttiva 2011/16/UE in materia di accesso da parte delle autorità fiscali alle informazioni in materia di antiriciclaggio.

22 maggio

Dipartimento delle Finanze del MEF: avviata la consultazione pubblica riguardante il pacchetto di proposte della Commissione europea per la tassazione dell’economia digitale.

A seguito della Comunicazione “Un sistema fiscale equo ed efficace nell’Unione Europea per il mercato unico digitale”, del 21 settembre 2017 e delle Conclusioni del Consiglio Ecofin del 5 dicembre u.s., la Commissione europea ha pubblicato il 21 marzo 2018 una nuova Comunicazione intitolata “È giunto il momento di istituire norme fiscali moderne, eque ed efficaci per l’economia digitale” in cui sono illustrate le proposte del pacchetto per la tassazione equa dell’economia digitale (due direttive e da una raccomandazione). Su tali proposte il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha avviato una consultazione pubblica che rimarrà aperta fino al 22 giugno 2018.

OLDER OLDER 1 2 9 10